certnews logoTesla Cybertruck Giga Austin Land costa meno di $ 100 milioni

Non molto tempo fa, Tesla ha annunciato ufficialmente di aver scelto il Texas come location per il suo prossimo Cybertruck Gigafactory . Anche i veicoli Tesla Model Y e Model 3 per il Nord America orientale saranno costruiti lì. Il lotto di 2.100 acri si trova a circa 15 minuti dal centro di Austin, in Texas, e costa a Tesla 97 milioni di dollari.

Secondo Austin Business Journal tramite Teslarati , l'appezzamento di terreno era precedentemente di proprietà di TXI Operations LLC, che è di proprietà di Martin Marietta Inc. Sulla base dei recenti dati sugli utili trimestrali, Martin Marietta ha venduto ufficialmente il terreno a Tesla per 97 milioni di dollari. B ased sul prezzo per acro, t il suo è il miglior affare immobiliare ancora per Tesla quando si tratta di terreni Gigafactory, a parte una trama che era essenzialmente libero.

Per fare un confronto, la Shanghai Gigafactory di Tesla è costata 973 milioni di Yuan cinesi (~ $ 140 milioni di dollari) per soli 214 acri. È un enorme ~ $ 650.000 per acro. Tesla ha anche acquistato 714 acri fuori Berlino, in Germania, per " Giga Berlin ". Quella trama costava quasi $ 50 milioni, o circa $ 65.000 per acro.

Il sito in Texas misura un enorme 2.100 acri, che è più del doppio delle dimensioni dei siti tedesco e cinese messi insieme. Fare i conti qui mette la transazione a circa $ 46.000 per acro.

Secondo i rapporti, Tesla ha essenzialmente ricevuto un prezzo all'ingrosso per l'appezzamento di terreno in Texas poiché ha acquistato un pezzo così grande di proprietà.

È importante notare che la situazione con la Tesla Gigafactory originale in Nevada si è svolta in modo diverso, quindi non la stiamo usando per il confronto. Fondamentalmente Tesla ha stretto un accordo con il centro industriale di Tahoe-Reno per ottenere gratuitamente i 980 acri iniziali. Ci sono molti altri dettagli e da allora Tesla ha esercitato l'opzione di acquistare anche più terreno circostante.

Notizia certa monitorata da certnews, clicca qui se vuoi aprire una segnalazione

Potrebbero interessarti anche...