certnews logoL'ossessione di Tesla per la produzione sta davvero iniziando a dare i suoi frutti?

Questo articolo ci arriva per gentile concessione di EVANNEX , che produce e vende accessori Tesla aftermarket. Le opinioni ivi espresse non sono necessariamente le nostre a InsideEVs, né siamo stati pagati da EVANNEX per pubblicare questi articoli. Troviamo interessante il punto di vista dell'azienda come fornitore aftermarket di accessori Tesla e siamo disposti a condividere il suo contenuto gratuitamente. Godere!

Pubblicato su EVANNEX il 7 agosto 2020 da Charles Morris

La parte più critica è la produzione delle auto, quella che Tesla chiama "la macchina che fa la macchina". Come ci insegnano in Business 101, il segreto del successo di Henry Ford non era tanto il Modello T in sé quanto la catena di montaggio che ha sviluppato per costruire il Modello T.

Per Big Auto, la produzione è qualcosa che hanno fatto per un secolo o giù di lì, e non è qualcosa di cui parlano molto. È vero, concetti come Toyota Way e kaisen vengono insegnati in classi di business avanzate, ma al giorno d'oggi sono considerati tecnologie piuttosto mature.

Quando Eberhard e Tarpenning decisero di costruire un veicolo elettrico nel 2003, sapevano che non avrebbero mai potuto duplicare il Toyota Way e non si sono preoccupati di provare: hanno sostituito quasi tutti i componenti della Roadster e si sono impegnati con Lotus per farlo la produzione.

Con Model S , tuttavia, Tesla ha deciso di fare la propria produzione, e non è stato facile. Come osserva Matthew DeBord in un recente articolo di Business Insider , l'azienda ha affrontato l'inferno della produzione, dai problemi di montaggio e finitura con la Model S alle traballanti porte Falcon Wing sulla Model X all'automazione troppo zelante sulla prima linea di assemblaggio del Model 3 , che ha reso necessaria la famigerata "tenda nel parcheggio".

DeBord è stato uno dei tanti media che inizialmente hanno ridicolizzato quella "tenda" (in realtà è una struttura in alluminio molleggiata, ed è ancora in servizio). Ora, tuttavia, capisce che si trattava di "una soluzione innovativa a un problema urgente e ha aiutato Tesla a consegnare circa 250.000 veicoli nel 2019". Quella soluzione frettolosamente improvvisata non è stata la prima nella storia di Tesla, e probabilmente non sarà l'ultima. La mentalità di startup dell'azienda include la volontà di provare modi non ortodossi di fare le cose al fine di portare rapidamente i suoi prodotti sul mercato. Questo è uno dei motivi per cui è stato in grado di scavalcare le case automobilistiche legacy, nonostante le loro risorse e competenze enormemente maggiori (genera anche alcune storie interessanti ).

[contenuto incorporato]

YouTube: Jason Yang

Nel corso degli anni, la produzione è gradualmente passata al centro della scena di Tesla, tanto che Elon Musk l'ha recentemente descritta come niente di meno che un'ossessione. "Facciamo un enorme sforzo nell'ingegneria di produzione, la macchina che fa la macchina", ha detto durante l'ultima chiamata sugli utili di Tesla. "Adoriamo la produzione … È fantastico. E penso davvero che le persone più intelligenti dovrebbero lavorare sulla produzione ".

L'attenzione incessante sta ora iniziando a dare i suoi frutti in grande stile. A detta di tutti, il controllo di qualità di Tesla è migliorato in modo esponenziale e non vediamo neanche lontanamente il numero di reclami su lacune del pannello e difetti di verniciatura che abbiamo fatto un paio di anni fa. Quando l'esperto di ingegneria di produzione Sandy Munro ha demolito una Model Y, ha riscontrato enormi miglioramenti nella qualità costruttiva. "La corporatura è migliore del 1.000%", ha detto Sandy, che notoriamente ha fatto alcuni commenti aspri sulla costruzione del corpo della Model 3. "Ci sono ancora problemi, ma sono minori rispetto a quello che ho visto in passato."

I continui miglioramenti al processo di produzione di Tesla si traducono non solo in una migliore qualità, ma anche in una riduzione dei costi. Munro ha previsto che il design semplice della carrozzeria e la mancanza di vernice del prossimo Cybertruck dovrebbero renderlo molto più economico da costruire rispetto a un camion tradizionale.

Mentre la produzione di Tesla si espande gradualmente dalla sua fabbrica di Fremont, che ha ereditato da Toyota, a strutture appositamente costruite dove può costruire linee di produzione da zero, incorporando le più recenti e più grandi conoscenze sulla produzione, i miglioramenti di qualità e costi sono destinati ad accelerare. DeBord osserva che ciò dovrebbe consentire a Tesla di ridurre il costo dei suoi veicoli, pur continuando a riportare profitti consistenti. "Ciò significa una maggiore quota di mercato e un maggiore vantaggio su case automobilistiche molto più grandi che, quando si tratta del futuro elettrico, si trovano in una seria modalità di recupero", scrive.

DeBord stima che ciascuna delle nuove Gigafactories potrebbe costruire 250.000 veicoli all'anno, portando la produzione totale di Tesla a oltre un milione di unità all'anno. Le corazzate aliene si stanno moltiplicando e stanno arrivando per le vecchie case automobilistiche.

===

Scritto da: Charles Morris ; Fonte: Business Insider

Notizia certa monitorata da certnews, clicca qui se vuoi aprire una segnalazione

Potrebbero interessarti anche...