certnews logoLe auto sono le stelle: l'arte di replicare le famose corse di Hollywood

the cars are the stars
La prima delle trasformazioni del veicolo di Razorfly, questa DeLorean DMC-12 Back to the Future segue la macchina del film fino a una T con una notevole eccezione. Riesci a individuarlo?

Auto e autista Marc Urbano

Dal numero di giugno 2020 di Car and Driver .

Circa 2300 miglia a est di Hollywood e un mondo metaforico lontano dal grande schermo si trova Whittier, nella Carolina del Nord. Nel cuore delle Great Smoky Mountains, questa città con meno di 6000 abitanti è circondata da bellezze naturali ricche come qualsiasi sfondo cinematografico. Il fatto che possa passare per un set di una piccola città non lo rende meno sorprendente quando ti imbatti in un umile garage residenziale qui che crea repliche delle auto più famose di Tinseltown.

Quel negozio, Razorfly Studios , ha costruito un cast di icone della cultura pop che include il DeLorean DMC-12 Back to the Future , il Dodge Monaco dei Blues Brothers e un trio di SUV Jurassic Park . Un pacer AMC che sarà presto in lavorazione sarà dotato di decalcomanie a fiamma, un sistema audio killer e un distributore di liquirizia funzionale, esattamente come quello trovato in Wayne's World . Un pickup Jeep J10 è destinato a ottenere l'elettronica di un RadioShack in un cenno al film Twister . Un terzo progetto in corso riguarda un motore a reazione e alte pinne posteriori nere. Tre ipotesi di cosa si tratta.

the cars are the stars

Auto e autista Marc Urbano

Le ricreazioni di Razorfly sono così accurate che sembrano costruite con un budget di Hollywood piuttosto che in un garage di 25 piedi per 55 piedi senza ascensore. Il negozio dà vita a storie che la maggior parte di noi ha vissuto solo nei teatri e dai nostri divani, mondi in cui le auto sono memorabili come i personaggi principali.

Lo studio è gestito dal marito e dalla moglie di Mark e Angela Zoran. Mark gestisce la maggior parte del cablaggio, della vernice e della fabbricazione delle auto, mentre Angela si concentra sul lato costumista dell'operazione. Mentre la società ha venduto alcune delle sue repliche chiavi in mano per prezzi che vanno da meno di $ 20.000 a un massimo di $ 50.000, il cuore dell'attività di Razorfly segue il circuito delle convenzioni. Il negozio noleggia i suoi veicoli per numerosi eventi di fantascienza e cultura pop. Da Washington, DC, ad Atlanta, i fan del cinema si mettono in fila per posare sotto le porte a gabbiano del DeLorean e intravedere il condensatore di flusso.

Il business è un lavoro d'amore per Mark, che ha ereditato la passione per la costruzione di modellini di automobili da suo padre. Sebbene abbia studiato corsi automobilistici al college, Mark ha lanciato una carriera cablando i cinema di casa e i sistemi di sicurezza. Ha iniziato a realizzare oggetti di scena e costumi della sua serie di fantascienza preferita come hobby negli anni 2000. Mentre andava in tournée nelle convention dei fumetti della East Coast, la passione di Mark per la costruzione di modelli è cresciuta in scala fino a diventare 1: 1. "Ho sempre desiderato qualcosa a grandezza naturale", afferma Mark. "Qualcosa di reale."

the cars are the stars
Gli orologi sono impostati su date rilevanti per il film. Ricordi la parte II, con gli hoverboard e il reattore a combustione dei rifiuti Mr. Fusion? Questo è quello che avrebbe dovuto essere il 2015.

Auto e autista Marc Urbano

Ritorno al futuro

La sua prima replica del veicolo fu la macchina del tempo di Doc Brown. Ha acquistato il suo cuneo in acciaio inossidabile da un rivenditore di auto usate nel 2011. L'auto non ha funzionato molto bene ma era in condizioni altrimenti pulite e il commerciante ha fatto uno scambio sulla vecchia Jeep di Mark (più un paio di dollari). Mark ha trascorso un anno a sistemarlo e ad accumulare le parti necessarie per convertire il DMC-12 in una replica Back to the Future e altri due anni guidandolo per mettersi a proprio agio con la mancanza di visibilità posteriore dell'auto. A quel punto, nel novembre 2014, lo ha portato nel garage e ha trascorso i successivi quattro mesi a completare la trasformazione del DeLorean.

Come nel caso di tutte le sue repliche, Mark si sforzò di rendere la sua macchina del tempo il più vicino possibile alla macchina del film, acquistando l'hardware esatto che lo studio cinematografico usava o realizzando getti in resina delle parti originali. I tubi di aspirazione del motore dell'elicottero e i grandi condensatori industriali adornano il coperchio del motore del DeLorean, mentre l'abitacolo è pieno di display a LED funzionanti. L'interruttore che accende l'elettronica della macchina del tempo è realizzato con la stessa spazzola del terminale della batteria della macchina del cinema. La base del reattore Mr. Fusion è ricavata da un disco rigido a guida missilistica degli anni '60, mentre il pezzo superiore è un macinacaffè in plastica degli anni '80. Una sveglia Bulova a doppia campana degli anni '30 si trova in cima al cruscotto, lo stesso che vedi nei film.

Altri aspetti sono stati progettati da zero, tra cui le gigantesche prese d'aria posteriori in alluminio saldate e le luci esterne blu alimentate da una seconda batteria installata nel vano della ruota di scorta dell'auto. Le firme di alcuni attori del film – Christopher Loyd, Lea Thompson e James Tolkan – abbelliscono l'interno del cofano. Per ottenerli, Mark ha dovuto trasportare il pannello ingombrante di acciaio inossidabile attraverso un affollato pavimento di Dragon Con. Mark nota che a Michael J. Fox è rimasto molto spazio per aggiungere il suo nome.

the cars are the stars
Fai festa, Wayne. Le fiamme del parafango devono ancora arrivare.

Auto e autista Marc Urbano

I DeLorean che lanciarono il braccio di replica di veicoli di Razorfly e le quasi dozzine di veicoli che seguirono rendono omaggio scrupoloso alla cultura pop americana. Ogni veicolo è sottoposto a un processo di costruzione di mesi che inizia con la ricerca di un'auto da donatore relativamente completa, che finora ha tutti decenni. Quindi, una piccola squadra di meccanici part-time, composta da Mark e alcuni amici, li spoglia, ricostruisce i principali componenti meccanici e rimuove la ruggine. La vernice viene rinfrescata o riverniciata per abbinarsi al colore della controparte sullo schermo dell'auto e qualsiasi importante lavoro di restauro del sedile viene trasferito in un negozio di tappezzeria locale. Quindi iniziano le modifiche. Le attività spaziano dall'installazione di elementi semplici come barre luminose e apparecchiature stereo a modifiche complesse di carrozzeria e cabina.

the cars are the stars
Nessuna garanzia che il tetto trasparente sia resistente al T. rex.

Auto e autista Marc Urbano

Jurassic Park

Il lavoro manuale di Razorfly è più evidente nei suoi tre camion personalizzati Jurassic Park . Due Jeep Wranglers , indicati con i numeri 18 e 29 come nel film, presentano modifiche relativamente semplici. Il negozio ha dotato entrambi i veicoli di argani accurati, antenne CB e barre luminose. Gli esterni standard Sand Beige Low Gloss sono stati arricchiti con decalcomanie per porte e una livrea "JP" rossa.

Le modifiche necessarie per ricreare un Jurassic Park Ford Explorer erano più estese. Ha ottenuto mod come fuoristrada simili alle Jeep e un interno completamente personalizzato. Mark ha installato schermi CRT dei primi anni '90 nella console anteriore e posteriore per riprodurre il video del tour di Jurassic Park o le clip del film stesso. La Ford ha anche subwoofer sotto ogni sedile posteriore per dare ai momenti pieni di azione del film un calcio ancora più grande. Guarda in alto e vedrai che hanno tagliato il tetto in acciaio, sostituendolo con una cupola in plexiglass trasparente in modo da poter scrutare meglio un Tyrannosaurus rex che torreggia sopra di lui. L'Explorer, all'interno della trama del film, era un veicolo automatizzato, progettato dal creatore del parco. Per vendere questa idea, il negozio ha installato apparecchiature per telecamere di sicurezza all'esterno del SUV e rimosso il gruppo di indicatori. Nell'interesse di rendere le cose legali, tuttavia, è possibile collegare un display digitale del misuratore Summit Racing quando necessario.

the cars are the stars
È una sirena antiaerea canadese in cima alla Bluesmobile, la stessa della macchina del cinema.

Auto e autista Marc Urbano

Blues Brothers

Il clone di Blues Brothers di Razorfly ha anche la storia di fondo per abbinare il film. Nel film, i personaggi del titolo usano un'auto poliziotto Dodge Monaco dismessa in una corsa contro il tempo per fare un paio di concerti e salvare il loro orfanotrofio d'infanzia. Opportunamente, anche il Monaco di proprietà di Razorfly è un incrociatore in pensione; potrebbe anche aver fatto parte della flotta di un dipartimento di polizia con base in Illinois. (Mark lo trovò vicino a Chicago, completo della bullbar d'acciaio necessaria.) Dopo aver raccolto la Dodge, il negozio doveva prima affrontare la ruggine nata da molti inverni del Midwest. Si assicurarono che l'auto fosse strutturalmente solida, ma mantennero i pannelli della carrozzeria sovrastanti come quelli acquistati. I dettagli accurati dello schermo includono una D mancante nel badge Dodge sulla coda e una vernice nera a forma di sonaglio che copre le decalcomanie della polizia. Il negozio ha anche documentato una replica dell'enorme altoparlante che viene installato sul tetto dell'auto.

Il motore della Dodge si discosta dalla sua ispirazione in nome della potenza. Il costruttore di motori Dave Heitz di Advanced Transmissions annoiava il 440 big-block, aumentava la compressione e installava un albero a camme Mopar Six Pack. Mark dice che il motore ora fa circa 450 cavalli. Tutto ciò che possiamo confermare è che l'auto strappa ciambelle senza sforzo.

the cars are the stars

Auto e autista Marc Urbano

Mark non è uno che tiene impacchettati i suoi giocattoli a grandezza naturale. Li guida al negozio di alimentari locale e mostra centinaia di miglia – e persino oceani – di distanza. In particolare, una Camaro degli anni '70 e una Mustang vestita di Saleen inventate come Bumblebee e Barricade dal primo film Transformers ora risiedono nel museo Movie Cars Central di Parigi. Gli oggetti di scena non automobilistici di Razorfly sono apparsi in una serie di fantascienza che ha vinto un premio dell'Accademia Internazionale di Web Television per il miglior costume nel 2014, e Mark sogna di creare un giorno auto personalizzate originali per il grande schermo.

La storia di Razorfly è ora nelle mani di una società di produzione di Hollywood, che sta lanciando reti su una serie TV che farebbe la cronaca del processo di ricerca di vecchie auto e la loro costruzione in cimeli cinematografici. Se è illuminato in verde, rimetterà sullo schermo queste stelle del cinema.


the cars are the stars

Felix Hernandez

Attraverso una lente diversa

L'artista messicano Felix Hernandez cattura le personalità più grandi della vita di auto e film iconici nelle sue immagini di repliche sorprendentemente piccole. Comincia fotografando modellini di auto 1:18 che è stato aumentato con effetti speciali similmente ridimensionati. Un utensile da taglio rotante contro un'asta di metallo fa esplodere una DeLorean in scintille, mentre il fumo di sigaretta soffiato sul Generale Lee diventa una nuvola di polvere. Hernandez quindi manipola e sovrappone le foto in modo digitale, sfocando la realtà e la fantasia in tableau lunatici e onirici. Il suo portfolio è disponibile su hernandezdreamphography.com .

Notizia certa monitorata da certnews, clicca qui se vuoi aprire una segnalazione

Potrebbero interessarti anche...