certnews logoSpirit in the "Sky": l'installazione del National 9/11 Memorial Museum di Spencer Finch ricorda

Installazione artistica di Spencer Finch 9-11 al memoriale e museo di New York

Jin S. Lee / Per gentile concessione del 9/11 Memorial & Museum

L'installazione "Color of the Sky" di Spencer Finch al National September 11 Memorial Museum giustappone l'immediatezza permanente dell'11 settembre e il passare del tempo.

S ome persone sostengono che il gran numero di eventi spartiacque hanno cambiato il mondo nel 2020 ci hanno spinto come nazione nel regno del inimmaginabile. Eppure 20 anni fa, non stavamo dicendo esattamente la stessa cosa dell'11 settembre ? Mentre quella mattina di settembre ci ha scioccato nel profondo, le ore ei giorni che seguirono hanno messo in luce gli aspetti migliori dello spirito umano tra gli eroici poliziotti e vigili del fuoco che hanno risposto per primo, i sopravvissuti e le belle memorie dei suoi caduti . Negli anni che seguirono, il processo di guarigione di New York City e dell'America continuò con la costruzione del National September 11 Memorial Museum .

L'impatto della giornata sulla psiche americana è racchiuso nella collezione del museo di rovine di cemento e metallo mescolate a display multimediali, manufatti personali trovati tra le macerie, suggestive insenature di riviste e una stanza che mette un volto umano su ciascuna delle 2.983 persone che perirono quel giorno. L'installazione di Spencer Finch – l'unica opera d'arte commissionata da e per il museo – è astratta nell'esecuzione ma molto specifica in termini della sua intenzione di unire molte diverse percezioni di un evento singolare.

dettaglio Ricordando il colore del cielo di Spencer Finch quella mattina di settembre

Ofer Wolberger / James Cohan Gallery

Il New York Times ha riferito nel maggio 2014, alla vigilia dell'apertura ufficiale del museo, che Il colore del cielo in quella mattina di settembre di Finch era efficace su molti livelli. La sua sfida principale era creare qualcosa che potesse "essere allo stesso tempo evanescente e potentemente evocativo".

"Doveva essere credibile", ha detto Spencer Finch al giornalista. "Doveva riguardare la qualità umana del ricordo, come è così confuso in un certo senso e in altri modi è così completamente chiaro."

POTREBBE PIACERTI ANCHE: CELEBRA LA STORIA AMERICANA NEL WILLIAMSBURG COLONIALE

Cattura perfettamente la fragilità della vita e la vastità del peggior attacco terroristico sul suolo americano.

Ricordando il colore del cielo quella mattina di settembre Spencer Finch

Ofer Wolberger / James Cohan Gallery

Da lontano, l'installazione a griglia metallica alta 12 metri sembra una rappresentazione astratta ma coesa di un cielo senza nuvole di fine estate con il suo mosaico di blu brillante. Tuttavia, man mano che ci si avvicina, ciascuno dei 2.983 singoli quadrati di carta Fabriano italiana dipinta a mano viene in rilievo. Ogni foglio appare effimero come i volantini della persona scomparsa che hanno tappezzato la città nei giorni, nelle settimane e nei mesi successivi agli attacchi.

Quando ci si rende conto di cosa si nasconde dietro questo velo che Spencer Finch ha creato – un deposito per i resti non identificati di coloro che sono morti al World Trade Center chiuso al pubblico – si coglie perfettamente la fragilità della vita e la vastità del peggior attacco terroristico sul suolo americano.

"Con un approccio scientifico alla raccolta dei dati e una sensibilità poetica, le installazioni, le sculture e le opere su carta di Finch offrono un esame della percezione umana attraverso la lente della natura, della storia, della letteratura e della memoria", James Cohan , le cui gallerie di New York City hanno regolarmente esposto e venduto il lavoro di Finch, ha detto. "Ha un approccio unico e sensibile all'uso del colore e della luce per ricreare momenti specifici nel tempo, sia personalmente vissuti che universali, forse in particolare mostrato nella sua installazione viscerale e profondamente commovente per il Museo dell'11 settembre".

La Rhona Hoffman Gallery di Chicago presenta l'artista Spencer Finch

Galleria Rhona Hoffman

Seguendo l'esempio, l' articolo del New York Times del 2014 ha ulteriormente dettagliato che Spencer Finch si è avvicinato al colore di ogni quadrato con "precisione scientificamente oggettiva" e ha utilizzato un colorimetro (un dispositivo che legge la temperatura media del colore) per misurare la tonalità in un luogo specifico.

Questa idea si è già trovata in altre sue opere di fama internazionale, come quella raffigurante il giardino di Emily Dickinson e in Trying to Remember the Color of Jackie Kennedy's Pillbox Hat , una serie di 100 ovali rosa pastello su carta, che evoca l'iconico abito che indossava. il giorno dell'assassinio del marito / presidente John F. Kennedy, nel novembre 1963, un'altra occasione che cambiò la vita come la conoscevano gli americani. Tuttavia, le dimensioni fisiche e il contesto emotivo dell'installazione collocano il memoriale dell'11 settembre in un'altra categoria.

Spencer Finch artwork Bontanica

Diego Berruecos / Per gentile concessione della Galerie Nordenhake

"Non sono sicuro del motivo per cui risuoni ancora, ma penso che molto abbia a che fare con il contesto", ha detto Spencer Finch, riflettendo sull'impatto che l'installazione ha avuto sui visitatori nei sei anni in cui è stata esposta. “Il mio obiettivo era davvero quello di sfruttare il processo della memoria come un modo per ricordare. Quindi, è l'attività del ricordare che si collega alla memoria di queste persone. La memoria è una funzione molto complessa e soggettiva e stavo cercando di tenerne conto. Il museo (anche) ha un ambiente così intenso e sconvolgente, e penso che l'opera d'arte fornisca una sorta di sollievo o forse anche di speranza per le persone dopo aver camminato attraverso altre parti della mostra ".

Una dichiarazione dello staff del 9/11 Memorial & Museum, nel frattempo, spiega che l'uso di una citazione di Virgilio ("Nessun giorno ti cancellerà dalla memoria del tempo") incastonata tra le piazze piazze dipinte a mano di Spencer Finch suggerisce il potenziale di trasformazione del ricordo rafforzando sinteticamente la missione del museo. L'artista del New Mexico Tom Joyce ha forgiato lettere dall'acciaio recuperato del World Trade Center, nel frattempo, aggiunge ulteriore gravità a questa installazione.

POTREBBE PIACERTI ANCHE: NATI PER IL QUARTO DI LUGLIO: UN GRAN SOGGIORNO DI CHARME SULL'ISOLA DI MACKINAC

Opere d'arte di Spencer Finch alla Rhona Hoffman Gallery di Chicago

Galleria Rhona Hoffman

"Molti ricordano la bellezza del cielo azzurro e limpido la mattina dell'11 settembre", si legge nella letteratura del museo. “Ma la nostra percezione del colore blu potrebbe non essere la stessa di quella di un'altra persona. Tuttavia, proprio come la nostra percezione del colore, i nostri ricordi condividono un punto di riferimento comune ".

Spencer Finch, nel frattempo, ha insistito fermamente sul fatto che non creerà un altro lavoro come questo. Quando gli è stato chiesto da altre istituzioni di creare altri monumenti commemorativi di questa particolare portata, ha detto di aver rifiutato quelle opportunità, sottolineando: “Sono stato molto fortunato in questo progetto e il fulmine non colpisce due volte. Per me, la risposta più potente è quando le persone piangono. Non mi sarei mai aspettato di realizzare un'opera d'arte che avesse quell'effetto, ed è ancora sorprendente per me ".

Botanica light artwork di Spencer Finch

Diego Berruecos / Per gentile concessione della Galerie Nordenhake

Andando avanti, nel 19 ° anniversario dell'11 settembre, una nuova mostra di Spencer Finch, "guardandosi intorno, fissando attentamente, contemplando", aprirà alla Rhona Hoffman Gallery di Chicago . I diversi pezzi condividono sorprendenti forme astratte di colore, luce e forma che raffigurano le interazioni personali con la natura attraverso i loro arrangiamenti e composizioni.

La mostra di Chicago segue la fortunata mostra “Botanica” alla Nordenhake Gallery di Città del Messico. Nell'introduzione della galleria a “Botanica”, spiega il curatore, “Spencer Finch, con un interesse per la ricerca scientifica e una vera sensibilità poetica, si dedica a catturare questi fenomeni. Le sue opere, tuttavia, riflettono sempre l'impossibilità di arrivare a una singola verità sui suoi soggetti e rafforzano la bellezza effimera e l'aura del mondo osservato ".

Le sue opere, tuttavia, riflettono sempre l'impossibilità di arrivare a una singola verità sui suoi soggetti e rafforzano la bellezza effimera e l'aura del mondo osservato.

Susan Cross (curatrice delle arti visive al MASS MoCA ed editore del volume retrospettivo del 2016, Spencer Finch: The Brain is Wider than the Sky ) ha aggiunto al commento della Nordenhake Gallery, affermando che "l'approccio concettuale di Spencer Finch ruota attorno alla percezione della luce quotidiana e colore. [Egli] studia attentamente il mondo che lo circonda e allo stesso tempo si sforza di capire cosa potrebbe esserci oltre. Sia che si affidi ai suoi poteri di osservazione o che utilizzi un colorimetro, come ha fatto per creare la sua installazione sull'11 settembre, Finch ha utilizzato un metodo scientifico per raggiungere fini poetici ".

Spencer Finch per la copertina del libro The Brain in Wider Than the Sky

Copertina del libro / "Spencer Finch: Il cervello è più ampio del cielo"

Cohen ha continuato, utilizzando brani della serie "Following a Bee (Zinnias)" di Finch e "Color Test" (entrambi del 2019) per approfondire la metodologia dell'artista.

"La serie (Color Test) consiste in una scatola luminosa che mette a confronto lo spettatore con una straordinaria abbondanza di colori", ha detto. “In un processo paragonabile alla miscelazione dei pigmenti sulla tavolozza di un pittore, Spencer Finch filtra il bianco 'neutro' proveniente dalla scatola luminosa con due strati di pellicola traslucida impressi con un motivo a scacchiera irregolare in diverse tonalità. Il risultato, un numero specifico e unico di diverse variazioni di colore individuali, mette in discussione i limiti della percezione visiva e della differenziazione ".

Grafica Mosaic The Color Test di Spencer Finch

Galleria James Cohen

"Il cervello è più ampio del cielo", nel frattempo, offre un'altra prospettiva evocativa del processo creativo di Spencer Finch attraverso illustrazioni di vari momenti salienti della carriera dagli anni '90 ad oggi. Le illustrazioni di grande formato descrivono in dettaglio le sue traduzioni di colore e luce, mentre i testi di accompagnamento forniscono commenti dell'artista e approfondimenti sulle sue varie influenze, dalla poesia alla scienza e alla filosofia ". Può essere acquistato su Amazon e presso altri rivenditori di libri d'arte.

SEGUENDO UN'APE
Illustrazione di Spencer Finch Following a Bee (Zinnias)

Galleria Rhona Hoffman

“Questi lavori sono stati fatti a Lakeville la scorsa estate in una parte del giardino dove ho piantato un grosso mazzo di zinnie (partendo dai semi!) Appositamente per realizzare questi disegni. Per questi disegni non ho usato un GPS ma mi sono semplicemente seduto in cima a una scala che domina le zinnie con una grande fotografia delle zinnie (presa da quel punto di vista) e ho tracciato il modello di volo dell'ape su un foglio di acetato posto sopra la foto e ha segnato ogni fiore che l'ape ha impollinato. Ho quindi scelto uno di tutti i colori delle zinnie e ho abbinato i colori usando il pastello. Quindi ho proiettato il disegno a tratteggio in acetato sulla carta da disegno e ho tracciato il percorso delle api con una matita. Ho quindi segnato la posizione dell'impollinazione del fiore con la macchia di pastello del colore appropriato. Il pastello è ovviamente un riferimento al polline del fiore anche se il colore proviene dai petali non dal polline. Per me questo è come un piccolo progetto segreto di Monet, dove sto effettivamente piantando il giardino con l'intenzione di usarlo come laboratorio per fare arte ". – Spencer Finch

Potrebbe piacerti anche

Notizia certa monitorata da certnews, clicca qui se vuoi aprire una segnalazione

Potrebbero interessarti anche...