certnews logoJeff Dahn, partner di batterie Tesla, si avvicina all'incredibile nuova cella della batteria

Tesla ha un team di ricerca sulle batterie situato in Canada. Funziona fianco a fianco con Jeff Dahn, esperto di batterie di fama mondiale . Sappiamo da tempo che Dahn stava lavorando su quella che potrebbe essere una batteria da un milione di miglia. Lavora inoltre continuamente a nuove chimiche delle celle della batteria per rivoluzionare il settore.

Detto questo, tendiamo a sentire parlare di una "svolta della batteria" quasi ogni giorno. Quando ci si immerge nei dettagli, di solito è chiaro che la potenziale svolta è in realtà lontana anni, non è stata testata su auto elettriche e ha tanti aspetti negativi quanti positivi.

In questo caso recente, ciò non sembra essere vero. Inoltre, stiamo parlando di Tesla, il leader mondiale nello spazio dei veicoli elettrici, così come di Dahn, la massima autorità sulle batterie. Sappiamo che Tesla ospiterà il suo Battery Day nel prossimo futuro e la società ha accennato a progetti di batterie da un milione di miglia e / o batterie "segrete" da qualche tempo.

Un recente rapporto condiviso da Teslarati si concentra su un'imminente cella della batteria con densità "rivoluzionaria". Le informazioni sulla cellula provengono da un documento messo insieme da Dahn e dal suo team dal titolo "Diagnosi e correzione del guasto cellulare senza anodi tramite analisi elettrolitica e morfologica".  

Il documento spiega che le celle della batteria senza anodo sono più leggere delle celle tradizionali e possono immagazzinare più energia per volume. Tuttavia, questa chimica può anche perdere rapidamente capacità e finisce per avere un ciclo di vita più breve.

Il team di Dahn ha imparato come sfruttare i vantaggi delle celle della batteria prive di anodo assicurandosi che i tipici negativi non esistano. Dice che la chimica delle cellule è in grado di avere una durata di vita estesa con l'introduzione di una soluzione elettrolitica di carbonato a doppio sale, che riduce la degradazione. Il documento recita:

"Recentemente, abbiamo dimostrato celle prive di anodi di lunga durata utilizzando un elettrolita carbonato a doppio sale. Qui caratterizziamo la degradazione delle celle prive di anodi con questo elettrolita liquido magro (2,6 g Ah − 1). Osserviamo il deterioramento della morfologia incontaminata del litio utilizzando la microscopia elettronica a scansione e la tomografia a raggi X e diagnostichiamo la causa come degradazione e esaurimento degli elettroliti utilizzando la spettroscopia di risonanza magnetica nucleare e la mappatura della trasmissione ultrasonica. Per i test di caratterizzazione della sicurezza, misuriamo la temperatura della cella durante la penetrazione del chiodo. "

Tesla ha già brevettato una soluzione elettrolitica in passato, quindi ha senso che possa essere utilizzata per questa svolta nelle celle della batteria. Forse è quello che stavamo tutti aspettando di sapere tramite l'imminente Battery Day di Tesla il 22 settembre.

Notizia certa monitorata da certnews, clicca qui se vuoi aprire una segnalazione

Potrebbero interessarti anche...