certnews logoIl costruttore di display per esposizione automatica Czarnowski si adatta alle cancellazioni del coronavirus, guarda avanti

Questa settimana doveva essere una celebrazione. Il North American International Auto Show, trasferitosi a giugno dall'oscurità di gennaio, doveva iniziare non solo all'interno del TCF Center di Detroit, ma fuori sul lungofiume. Quel concetto indoor-outdoor era un modo in cui gli organizzatori stavano cercando di reinventare il salone dell'auto .

Ovviamente, lo spettacolo è stato cancellato. L'annuncio è stato fatto a marzo, poco prima che il Centro TCF fosse trasformato in un ospedale da campo con 1000 letti in previsione di un trabocco di pazienti COVID-19 . A maggio l'ospedale da campo è stato chiuso, anche se il sindaco di Detroit Mike Duggan ha detto che i letti rimarranno, per ogni evenienza.

Rimangono molte cose che non sappiamo su cosa ci aspetta. E mentre la domanda su quando torneranno le grandi riunioni – e come appariranno quando lo faranno – potrebbe non essere in cima alla nostra lista di preoccupazioni, è sulla lista. Nessuno è più interessato alle risposte delle persone coinvolte negli eventi.

Molti degli stand ai saloni automobilistici in siti come Detroit – o al Javits Center di New York, al Georgia World Congress Center di Atlanta o al Walter E. Washington Convention Center, DC – sono costruiti da Czarnowski , una società internazionale di marketing esperienziale con sede a Chicago, Shanghai e Colonia. A causa del rallentamento, la società, come tante altre, ha dovuto licenziare molti dei suoi dipendenti. Ma, attingendo alla sua esperienza e cercando un modo per impiegare alcuni di questi lavoratori, Czarnowski ha trovato un'opportunità di trasformazione.

"Perché abbiamo familiarità con questi ambienti – centri congressi, campi aperti per l'ospitalità o concerti – quando questo colpo di pandemia, e abbiamo sentito che ci sarebbero stati distributori che avrebbero realizzato centri di test e trattamento negli Stati Uniti, abbiamo pensato "Siamo in grado di facilitare e progettare", afferma Nick Simonette, responsabile della trasformazione aziendale di Czarnowski.

Gli stand per auto sono pezzi complessi di ingegneria e design, costruiti per fornire un'esperienza emotiva, ma anche per spostare le persone in modo efficiente dentro e fuori da uno spazio fisico. Czarnowski ha applicato questi stessi principi ai suoi centri di test e trattamento.

La soluzione adottata da Czarnowski in siti come il Javits Center era un gradino al di sopra del tradizionale sistema "pipe and drape" associato agli ospedali da campo militari. "Un sistema che potrebbe essere implementato in qualsiasi sede del paese", afferma Simonette. Il Corpo degli Ingegneri dell'Esercito degli Stati Uniti vi si attaccò per la sua replicabilità. Così Czarnowski formò una coalizione, Live for Life , con 200 partner del settore sul campo, e concesse in licenza il concetto al gruppo, che chiunque potesse costruire, gratuitamente. "Queste sono le nostre concorrenti", afferma Simonette. "Quindi siamo passati da concorrenti a collaboratori".

Potrebbe essere difficile immaginare di partecipare di nuovo a qualcosa come una convention o un'esibizione dal vivo. Ma Simonette crede che gli eventi esperienziali come gli spettacoli automobilistici torneranno. Oltre agli ospedali da campo, Czarnowski ha anche lavorato per aiutare a capire come riportare le aziende al lavoro . Un progetto informerà il prossimo.

"Probabilmente ci saranno alcuni screening all'ingresso, o test di temperatura di individui o test termici per gruppi più grandi", dice dei futuri show automobilistici. "Una volta entrati nello spazio, all'inizio ci saranno probabilmente molte interazioni touchless o basate sui gesti. Ma con un prodotto tattile in cui le persone vogliono entrare e sedersi, come un'auto, sarà anche una questione di chi sarà nelle vicinanze per assicurarsi che sia sterilizzato e pulito. La sicurezza pubblica e le strutture igienico-sanitarie saranno in gran parte ".

Crede anche che vedremo un aumento della realtà virtuale e aumentata sia durante e tra gli eventi di firma come i saloni automobilistici. "Abbiamo spinto i nostri clienti per anni a creare un impegno più virtuale con i fan e i consumatori fuori sede, ma pensavamo di essere in un percorso da cinque a sette anni per far convergere queste cose. Ora è molto più di un conversazione, e sembra andare avanti più rapidamente ", afferma Simonette.

Naturalmente, data la serie di preoccupazioni riguardanti il contagio, afferma che non può immaginare che grandi gruppi di persone vorranno "legarsi un Occolo condiviso in testa". Immagina che questo aumento sarà più qualcosa con cui possono interagire sul proprio dispositivo, forse sotto forma di un'app. O qualcos'altro, qualcosa che non è stato ancora creato. "Dipende dall'immaginazione e dall'innovazione delle persone che supportano l'industria per vedere come sta cambiando il comportamento dei consumatori", afferma.

Una cosa su cui sembra abbastanza sicuro è la convinzione che le persone si riuniranno di nuovo in gruppo. "È nella nostra natura di esseri umani", dice. "Risale ai cavernicoli intorno al fuoco. Siamo animali sociali e vogliamo stare insieme con persone che condividono i nostri interessi e sperimentano le cose."

Questo contenuto viene creato e gestito da terze parti e importato in questa pagina per aiutare gli utenti a fornire i propri indirizzi e-mail. Potresti essere in grado di trovare maggiori informazioni su questo e altri contenuti simili su piano.io

Notizia certa monitorata da certnews, clicca qui se vuoi aprire una segnalazione

Potrebbero interessarti anche...