certnews logoVendite di auto nuove in calo per il secondo trimestre consecutivo negli Stati Uniti

  • Gli ordini di restituzione a domicilio e gli arresti degli impianti indotti dalla diffusione di COVID-19 hanno rappresentato un grave ostacolo alle vendite tra il 1 ° aprile e il 30 giugno.
  • FCA ha registrato un calo trimestrale delle vendite negli Stati Uniti del 39 percento; GM, un calo del 34 percento. Hyundai ha registrato un calo delle vendite di marzo del 18 percento.
  • Aggiorneremo questa storia mentre altre case automobilistiche rilasciano numeri di vendita trimestrali.

La maggior parte delle case automobilistiche è passata a una versione trimestrale dei dati sulle vendite di veicoli nuovi negli Stati Uniti, ma se speravano di limitare il numero di titoli negativi durante la crisi COVID-19 , forse un programma di rilascio biennale o addirittura biennale sarebbe migliore. Quando le case automobilistiche hanno riportato le vendite del primo trimestre del 2020 all'inizio di aprile, un messaggio ottimistico all'epoca era che avremmo dovuto aspettare che i numeri del secondo trimestre fossero rilasciati per avere una migliore gestione del vero impatto del coronavirus sul settore.

Bene, il secondo trimestre è qui e il verdetto è in corso: questa cosa è reale, ma il duro declino di aprile è stato mitigato da due mesi, maggio e giugno, che non erano così male. Le vendite della flotta sono state colpite duramente e le forniture sono state basse per la maggior parte del trimestre, dato che le case automobilistiche non hanno prodotto molti veicoli una volta che COVID-19 aveva chiuso le fabbriche in tutto il mondo.

GM: vendite in calo del 34%, Blazer ha fatto bene

General Motors ha registrato un calo delle vendite del 34 percento tra i suoi marchi nel secondo trimestre rispetto al 2019, vendendo 492.489 veicoli negli ultimi tre mesi.

I pochi punti luminosi, ovvero i modelli in cui i numeri delle vendite non erano negativi, per il secondo trimestre includono il Chevy Blazer (in crescita del 68 percento rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso), il Trax (sostanzialmente piatto, con un aumento del 3 percento) e alcuni modelli pesanti. Con la maggior parte delle fabbriche statunitensi di GM tornate ai "normali livelli operativi", GM afferma che la sua offerta di nuovi veicoli aumenterà grazie all'aumento della produzione e alla "capacità resa disponibile da volumi di noleggio inferiori".

Hyundai: in calo del 18%, il problema principale è quello delle flotte

Anche le vendite di Hyundai sono diminuite, spostando un totale di 141.722 veicoli nel secondo trimestre, con una diminuzione del 24 percento rispetto al 2019. Ad oggi, le vendite di Hyundai sono diminuite del 18 percento, principalmente a causa delle vendite della flotta che, sebbene costituissero solo il 2 percento del volume totale di Hyundai, erano in calo del 93 percento. La società ha dichiarato che le sue vendite al dettaglio sono diminuite solo del 3% in quel lasso di tempo.


FCA: giù 39 per cento, forte gladiatore

Anche le vendite di Fiat Chrysler sono diminuite nel secondo trimestre, calando del 39% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. FCA ha dichiarato che le vendite di maggio e giugno sono state più elevate del previsto dopo il "caos economico" di aprile causato da COVID-19. Almeno le vendite online sono aumentate, con FCA che afferma che circa il 20 percento delle sue vendite di veicoli nuovi inizia ora come un processo di vendita online, rispetto all'1 percento dell'anno scorso. E la gente era senza dubbio interessata al nuovissimo Gladiatore , che ha visto le sue vendite salire del 174% nel secondo trimestre. Anche così, le vendite di FCA sono in calo del 26 percento da inizio anno rispetto al 2019.

Mazda: in calo del 9,6 per cento, ma il nuovo CX-30 era forte

Mazda è stata complessivamente in calo del 9,6% nel secondo trimestre rispetto al 2019, ma ci sono stati alcuni punti salienti. Il nuovissimo crossover CX-30 ha contribuito a frenare la marea verso il basso, e sia la MX-5 Miata che la CX-9 sono aumentate, rispettivamente del 9,9 e del 14,2%, nel secondo trimestre. Come con altre case automobilistiche, i numeri di giugno di Mazda sembravano buoni (e in realtà erano aumentati dell'11% rispetto al 2019), ma non abbastanza per invertire il trimestre.

Questo contenuto è importato da terze parti. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni sul loro sito web.

Questo contenuto viene creato e gestito da terze parti e importato in questa pagina per aiutare gli utenti a fornire i propri indirizzi e-mail. Potresti essere in grado di trovare maggiori informazioni su questo e altri contenuti simili su piano.io

Notizia certa monitorata da certnews, clicca qui se vuoi aprire una segnalazione

Potrebbero interessarti anche...