certnews logoCOVID-19 ha impedito a Toyota di presentare prototipi di batterie a stato solido

La Toyota non è precisamente veloce nelle sue decisioni, ma quando vengono prese, di solito colpiscono. Controlla le auto elettriche, per esempio. La compagnia si aspettava che gli ibridi garantissero una transizione graduale e sicura ai veicoli elettrici, ma Tesla cambiò i piani. Detto questo, la Toyota avrà veicoli a batteria a stato solido da vendere entro il 2025. Un'intervista di Automotive News mostra che avrebbero potuto presentare i prototipi ai Giochi olimpici di Tokyo del 2020.

Questo è quanto affermato da Keiji Kaita. Il vice presidente esecutivo della società propulsiva della Toyota ha dichiarato che i prototipi sono pronti, ma il rinvio delle Olimpiadi al 2021 a causa del COVID-19 rende poco chiaro il momento in cui queste auto saranno finalmente presentate. L'articolo ci fornisce ulteriori dettagli su cosa aspettarsi quando arrivano queste batterie.

Toyota: sei BEV per l'impiego globale

Secondo Kaita, possono caricare completamente in 15 minuti. La Toyota sta lavorando a un elettrolita a base di zolfo, che favorirebbe un trasferimento più efficiente degli ioni di litio tra gli elettrodi. Se leggi i nostri articoli sulle batterie Li-S , sai che sono anche più economici da produrre e hanno una densità di energia quasi otto volte quella delle migliori celle agli ioni di litio attuali.

Toyota li sta indagando con Panasonic anche se una joint venture chiamata Prime Planet Energy & Solutions Inc. Sebbene sia iniziata solo nel mese di aprile, ha già 5.100 dipendenti, di cui 2.400 in Cina. Questa è la società che mira a fornirli alla Toyota nel 2025 e Kaita è fiduciosa che rispettino tale termine.

Toyota SUV compact - brevetti 7

C'è un altro aspetto incredibile di queste nuove celle. L'obiettivo di Toyota è quello di farli conservare il 90 percento delle sue prestazioni per almeno 30 anni. Per arrivarci, Kaita e il suo team stanno lavorando per risolvere i problemi che queste batterie sono ancora presenti.

Il problema principale è che l'elettrolito deve essere flessibile poiché la maggior parte degli anodi si espande durante la carica e si contrae durante la scarica. Toyota sta cercando di affrontarlo sviluppando nuovi materiali per l'elettrolito che non gli consentiranno di deformarsi.

Potrebbe anche sparare per anodi che non si espandono, come quelli al litio-metallo, ma non è qualcosa che l'articolo menziona chiaramente. Kaita insinua solo che possono regolare l'anodo e altri materiali per ridurre gli svantaggi che stanno riscontrando.

Un'altra grande preoccupazione è che queste batterie devono essere prodotte in un ambiente ultra-asciutto. Ciò probabilmente farà sì che i primi costino più delle attuali celle agli ioni di litio a causa della piccola scala di produzione iniziale. Indipendentemente da ciò, i clienti probabilmente lo trascureranno in cambio di tempi di ricarica più rapidi e della durata di 30 anni di queste nuove fantastiche celle. Ci chiediamo solo quando COVID-19 ci permetterà finalmente di vederli in azione.

Fonte: Notizie automobilistiche

Notizia certa monitorata da certnews, clicca qui se vuoi aprire una segnalazione

Potrebbero interessarti anche...