certnews logoAlla prova finale di Indy 500, Pato O'Ward, Scott Dixon più veloce

Che differenza fa un anno per il giovane Pato O'Ward .

Il 21enne di Monterrey, in Messico, è stato espulso dal campo durante le qualifiche per la 500 Miglia di Indianapolis del 2020, ma si è ritrovato il più veloce un anno dopo nelle prove finali per il più grande spettacolo delle corse.

O'Ward è anche quarto nella classifica del campionato, a un'estate di distanza dal passaggio fuori stagione da Carlin a ARROW McLaren SP, avendo quasi vinto la sua prima gara il mese scorso a Road America a Elkhart Lake, Wisconsin.

È ufficialmente elencato come un rookie, ma non ha guidato niente come uno nelle ultime due settimane, affermandosi come un contendente durante il Carb Day venerdì all'Indianapolis Motor Speedway. O'Ward è stato l'unico pilota a rompere la barriera dei 225 mph e lo ha fatto nel suo 11 ° giro, a 225,355 mph.

Questo è stato di 0,7 miglia all'ora davanti al cinque volte campione della IndyCar Series e vincitore della 500 Miglia di Indianapolis nel 2008 Scott Dixon. Li hanno seguiti altri due precedenti vincitori: Alexander Rossi (2016) e Takuma Sato (2017).

La sessione di due ore è stata un flusso costante di gare di gruppo mentre le squadre hanno composto le loro impostazioni per domenica.

"Penso che sia stato davvero importante cercare di ottenere la migliore macchina sotto di noi per il giorno della gara", ha detto O'Ward in seguito. "Penso che il traffico sarà fondamentale. Sarà la mia prima 500. Dal solo sentire le prove e tutto il resto, è così importante avere un'auto che sia in grado di seguire da vicino ed essere in grado di far correre le persone, alla fine muoversi avanti invece di andare indietro.

"Penso che oggi sia stato un buon passo avanti. Sì, dovremo solo andare con il nostro istinto e sperare che funzioni come ha fatto oggi in un giorno di gara di domenica."

Con le qualifiche alle spalle, questa è stata la prima opportunità per tutti di lavorare sulla gestione del giorno della gara, con l'aspettativa che domenica sarà un po 'più calda di venerdì.

"Aveva alcuni ostacoli qui (ma) si sentiva davvero bene", ha detto Dixon. "C'è stato un periodo un po 'strano durante quella sessione, con forse circa 30 minuti dalla fine, in cui abbiamo perso un po' l'equilibrio, e abbiamo capito cosa non andava, rimettendo in moto la macchina.

"Abbiamo iniziato con un breve elenco di cose che volevamo ottenere. Lo abbiamo fatto. Molti di questi erano miglioramenti, il che erano buoni. Sembra che Marcus [Ericsson] sia andato nella stessa direzione. Felix [Rosenqvist] Non ero sicuro di un paio di cose in passato. Tutte e tre le vetture [Chip Ganassi Racing] sono decisamente in una buona situazione per correre davvero bene nel traffico. Speriamo di poter continuare a stare vicino ai primi e lottare a la fine."

Dopo aver condotto una sessione e essersi qualificato a metà della prima fila, il leader del campionato si è probabilmente affermato come il favorito e le probabilità di Las Vegas lo riflettono.

"La macchina era abbastanza comoda", ha detto Dixon. "Alcuni di quei giri in cui sei fortunato e ci riesci. Hai buttato fuori quattro o cinque 224. La macchina si stava avvicinando piuttosto bene.

"Alcune situazioni penso siano un po 'migliori di altre. Sei un po' fortunato. Pato ha tirato fuori un 225. È un giro piuttosto robusto".

Il pole sitter Marco Andretti non è stato a suo agio per tutta la sessione, facendo registrare solo il 28 ° giro più veloce, non riuscendo a raccogliere un pescaggio da quelli davanti alla sua Honda n. 98.

Nel frattempo, il Team Penske sembrava più competitivo in assetto di gara di quanto non fosse nella preparazione alle qualifiche, con Josef Newgarden che ha ottenuto il settimo miglior giro. Il vincitore della gara in carica Simon Pagenaud è stato 14 ° più veloce, con Helio Castroneves e Will Power che hanno segnato il 17 ° e 24 ° giro più veloce complessivi.

Newgarden espresse soprattutto una fiducia cauta e ottimista nella sua Chevrolet numero 1.

"Volevo quasi tornare al garage dopo 30 minuti e lasciare la macchina com'era", ha detto Newgarden. "È stato davvero bello. Il Carb Day è uno di quei giorni in cui se la tua macchina si sente bene, quasi non vuoi usarla. Se non ti senti bene, userai l'intera sessione prima di domenica .

"Mi sento fiducioso. Non puoi entrare con troppa fiducia. Devi essere cauto. Cercando di assicurarti di avere ogni dettaglio a posto, avere un buon piano di gioco. Assicurati di guardare le piccole cose che potrebbero catturare noi fuori.

"Ovviamente non dove volevamo essere nel weekend di qualificazione, ma sono fiducioso di quello che stiamo portando nel giorno della gara e penso che possiamo sfidare i primi."

Per due settimane i conducenti hanno espresso la preoccupazione che le opportunità di sorpasso sarebbero state limitate a causa delle condizioni più calde e di un'auto più draggiosa con il parabrezza. Non sembrava così venerdì, ma i conducenti si aspettano che il clima più caldo di domenica possa potenzialmente soffocare il passaggio.

"Penso che sia stato solo un po 'più fresco questa mattina", ha detto Newgarden. "Questo probabilmente ha reso le cose più facili per tutti. Ho detto che penso che la gara sarà abbastanza simile a quella dello scorso anno per quanto riguarda la capacità di passare. Non credo che vedrai un enorme allontanamento da quello che hai visto in gara l'anno scorso davvero. "

Dixon era d'accordo.

"Penso che il giorno della gara sarà probabilmente molto più ventoso e caldo", ha detto. "Questo potrebbe renderlo più difficile."

1. Pato O'Ward (C) 84 giri | 225.355
2. Scott Dixon (H) 59 giri | 224.646
3. Alexander Rossi (H) | 58 giri | 224.599
4. Takuma Sato (H) 85 giri | 224.580
5. Oliver Askew (C) 82 giri | 224.128
6. Zach Veach (O) 73 giri | 223.957
7. Josef Newgarden (C) 68 giri | 223.764
8. Marcus Ericsson (H) 105 giri | 223.700
9. Jack Harvey (H) 72 giri | 223.641
10. Alex Palou (H) 91 giri | 223.570
11. Charlie Kimball (C) | 79 giri | 223.491
12. James Hinchcliffe (H) 103 giri | 223.461
13. Colton Herta (H) 88 giri | 223.433
14. Simon Pagenaud (C) 89 giri 223.419
15. Ed Carpenter (C) 65 giri | 223.410
16. Rinus VeeKay (C) 92 giri | 223.385
17. Helio Castroneves (C) 93 giri | 223.093
18. Conor Daly (C) 78 giri | 223.010
19. Tony Kanaan (C) 51 giri | 222.999
20. Dalton Kellett (C) 73 giri | 222.951
21. Santino Ferrucci (H) 95 giri | 222.806
22. Ryan Hunter-Reay (H) 81 giri | 222.731
23. Fernando Alonso (C) 72 giri | 222.680
24. Will Power (C) 81 giri | 222.578
25. Graham Rahal (H) 71 giri | 222.158
26. Spencer Pigot (H) 48 giri | 221.789
27. Felix Rosenqvist (H) 71 giri | 221.675
28. Marco Andretti (H) 70 giri | 221.314
29. James Davison (H) 64 giri | 220.889
30. Max Chilton (C) 80 giri | 220.666
31. JR Hildebrand (C) 44 giri | 219.723
32. Sage Karam (C) 38 giri | 219.396
33. Ben Hanley (C) 104 giri | 217.984

Questo contenuto viene creato e gestito da una terza parte e importato in questa pagina per aiutare gli utenti a fornire i propri indirizzi e-mail. Potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni su questo e contenuti simili su piano.io

Notizia certa monitorata da certnews, clicca qui se vuoi aprire una segnalazione

Potrebbero interessarti anche...