Bakeca.it oscurato, annunci incontri sesso con prostitute

17 ottobre 2009 - Fonte: http://www.ultimenotizie.tv Lascia il tuo commento »
E' la tua prima volta qui? Allora iscriviti GRATIS ai nostri feeds! 
NOTA BENE: Il Bloggatore ha rilevato dei problemi di collegamento con il blog indicato come fonte originale dell'articolo. Pertanto, al fine di consentire agli utenti di leggere questo articolo, se possibile, viene reso temporaneamente disponibile il post completo.

Bakeca.it è l’unico sito web di annunci gratuiti indipendente, nato nel 2005 a Torino dall’idea di un gruppo di giovani torinesi capitanati da Paolo Geymonat, stroncato da un malore nella serata di domenica 13 settembre. Fondatore della Internet company piemontese che oggi riunisce alcuni tra i principali marchi dello scenario dell’Internet marketing italiano (oltre a Bakeca, Easybit, Seolab e Mediastreet) e dal quale altri nuovi e innovativi progetti (Spystory, Scuolazoo) sono partiti in questi mesi per fare della company torinese quel polo della comunicazione unico. La bakeca di annunci gratuiti è un ottimo sito italiano completamente gratuito per la consultazione e la pubblicazione online di annunci economici. Il successo di Bakeca.it è nei suoi numeri: oltre 3 milioni e mezzo di visitatori unici al mese e 210.000 giornalieri (dati certificati Google Analytics), oltre 320.000 annunci presenti sul sito, di cui 40.000 annunci di lavoro, oltre 130 milioni di pagine viste ogni mese, con un incremento del 100% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Il giorno 16 ottobre alle ore 12 secondo Il Giornale di Vicenza, il sogno di Bekeca è stato oscurato dalla polizia postale.

L’oscuramento del sito Bakeca.it è la diretta conseguenza di un’indagine sull’agevolazione della prostituzione avviata dal pm Federico Frezza e gestita dalla Squadra mobile e dai carabinieri. In tre mesi di indagini è emerso che le pagine dedicate ai generici incontri e annunci matrimoniali, venivano usate spesso da escort e transessuali per attirare i clienti, fornendo loro un numero di telefono cellulare per il successivo contatto. Questi annunci erano corredati da immagini più che esplicite. L’oscuramento di Bakeca.it, il cui server principale è a Torino, ha coinvolto per il momento tutte le pagine di Bakeca.it, anche quelle in cui vengono pubblicati gli annunci di vendita di automobili, case in montagna, imbarcazioni da diporto, macchine fotografice o libro rari e introvabilie. Tutto oscurato e irraggiungibile.

Nella prima fase delle indagini si era precipitato nello studio del pm Federico Frezza, Paolo Geymonat, all’epoca amministratore della società. Era il 13 agosto e solo 30 giorni più tardi, il 13 settembre, il manager, 45 anni di età, nipote del filosofo Ludovico Geymonat, sarebbe stato stroncato da un malore. In quelle quattro settimane Paolo Geymonat, aveva tentato, assieme ai propri tecnici, di far funzionare sul server di Bakeca dei «filtri» capaci di bloccare le inserzioni a luci rosse. Il tentativo non era riuscito e l’inchiesta era andata avanti, fino al sequestro e agli arresti di ieri, chiesti dalla Procura e concessi dal presidente aggiunto del gip Guido Patriarchi. Lo stesso magistrato ha però sottolineato che la competenza territoriale non è più di Trieste, bensì di Venezia o forse Torino.

Tre arrestati, dieci indagati per favoreggiamento della prostituzione in Friuli, Veneto, Lombardia e Piemonte, una trentina di perquisizioni. Questo il bilancio dell’ Operazione “Sex.com” che ha portato il sequestro di uno dei più noti siti italiani di annunci on line. L’indagine – durata sei mesi coordinata dal P.M. della Procura della Repubblica di Trieste Federico Frezza, condotta dalla Squadra Mobile del capoluogo giuliano con la collaborazione dei Carabinieri – è riuscita a smantellare un gruppo criminale dedito al favoreggiamento della prostituzione. Agli arresti domiciliari sono finiti Luca Cassin, 44 anni, di Montecchio Maggiore, via Beschin 19, ritenuto il vertice della gang; Enrico Morellato, 53 anni, residente in città in contrà Canove 23 (è difeso dall’avv. Vincenzo Garzia), e il bresciano Davide Sbolli, 41 anni. Sono accusati di favoreggiamento della prostituzione. Da una prima ricostruzione dei fatti risulta che Cassin si rivolgeva ai siti www.cercoamici-vip.com (ancora attivo), best-annunci.com (ancora attivo) , kijiji.com (ancora attivo) e bakeca.it (per adesso l’unco sito oscurato). Quest’ultimo, il cui server si trova a Torino, è stato oscurato dalla polizia postale ed è uno dei più noti siti web di annunci (di tutti i generi: formalmente sono vietati quelli di sesso a pagamento) in Italia. Gli amministratori si difendono con forza. Secondo l’accusa, la gestione di quelle righe esplicite collegate a foto spesso altrettanto esplicite favorisce la prostituzione, poiché mette in contatto le lucciole con i clienti, pur se in maniera virtuale.

Secondo Il Piccolo di Trieste, la società che gestisce Bakeca.it paradossalmente è vittima della «ditta» di Cassin che era ben informato dei meccanismi di Bakeca.it. Gli annunci possono venire inseriti gratuitamente dal cliente attraverso il proprio pc. Il gruppo era al corrente però che agendo in questo modo gli annunci restano imbrigliati nella massa di altre offerte. I tre, secondo l’accusa, hanno comprato in proprio numerosi pacchetti di “risalite” che consentono di portare nella prima pagina, o meglio nella “top list” di Bakeca.it, le inserzioni che devono essere viste subito. Hanno pagato 4800 euro alla società torinese e hanno ottenuto 100 “risalite”. Poi le hanno in gran parte vendute per complessivi diecimila euro alle escort e ai transessuali che volevano evidenziare la loro attività sul web. Altri introiti sono arrivati dalle fotografie “pubblicitarie”.


© Ultime Notizie - Agenzia pubblicitaria - Recensioni film - Annunci badante
http://www.ultimenotizie.tv/notizie-scienze/bakeca-it-oscurato-annunci-incontri-sesso-con-prostitute.html






SEGNALA / INVIA QUESTO POST:  Share
Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti GRATIS ai nostri feeds! 
  1. jack scrive:

    strano che siti vengano oscurati e quotidiani vedi messaggero che commettono lo stesso reato continuino senza un pari trattamento che sarebbe il blocco delle vendita la legge non e’ uguale per tutti

  2. max scrive:

    Be questo è sucesso solo a backeca x kijijsi puo entrare bisogna fare un altro giro ma ci entri e ci sono molti incontri di trans marazzo insegna se una persona inpetita come lui ci andava perchè noi no?comunque non é vero che pagava 5000.000 euro x un incostro è stato buggerato o dai polis o altri comunque è come l acqua calda hooo queste persone ci sono da decenni e nella capitale scoppia e tanti ci vanno quarda i siti e chi si finge scandalizzato è uno struzzo

  3. carla scrive:

    Bakeca gratuito? scherzate vero? forse hanno iniziato così, ma già da un paio d’anni gli annunci in certe categorie(leggi incontri) se li facevano pagare e anche cari, pena l’esclussione per chi non pagava del proprio annuncio, per costringerti se avevi bisogno di mettere un annuncio a pagare. Altro che annunci gratuiti……. informatevi prima di parlare.

  4. mortello scrive:

    non so te carla ma io ho un account con bakeca ed è gratuito. che tipo di annunci hai usato? mica li confondi con gli annunci pubblicitari?

  5. agata scrive:

    SENTI BAKECA ERA GRATIS POI LORO BASTARDI AFFAMATI DI SOLDI HANNO COMINCIATO A FARE PAGARE LE PUTTANE X METTERE ANNUNCI SU LORO SITO, FINCHE CHE SI METTEVA ANNUNCI LAVORO+VENDI OGGETTI COSE NORMALE LORO LASCIAVA METTERE GRATIS MA APPENA UNA RAGAZZA O TRANS METTEVA ANNUNCIO INCONTRI LORO CI CONTATTAVA SUBITO E DICCIEVA SE VUOI DEVI PAGARE SE NON CANCELLO TUO ANNUNCIO E DA LI COMINCIATO QUESTO SFRUTTAMENTO DELLA PROSTITUZIONE, SONO CONTENTA MA MOLTO CONTENTA CHE HANNO BLOCCATO LORO SITO COSI LORO IMPARA A FARE I SFRUTTATORE DA UN”ALTRA PARTE O IN UN ALTRO PAESE AH AH AH AH AH AH AH !

  6. Anonimo scrive:

    E’ bellissimo vedere il tuo commento “assolutamente disinteressato”… sarà che tra bakeka.it e il tuo sito c’è rivalità?

  7. rubiela gutierrez scrive:

    guardate bene come parlate non sapete niente da niente non ce sfrutamento ogni persona è grande e vacinata fa su publicita come fano tutti chi da un modo e chi da un l”atro e poi quella forma cosi descarbada da dire putana…sai e meglio fare la putana e se gudagna soldi per farce qualcosa che fare la ZOCOLA come fano tante la dano via gratis anche tante done sposate che signala il dito contra le ragazze che lavorano a fare felice i uomini xke loro la dano meglio al vicino che al marito ecco xke venite dove noi tanta moralita falsa dobrevero perdere tempo in cose piu importante che rompere!!! grazie a noi il matrimonio dura de piu è piu facile che vengono da noi e dopo via che farce il amante e lasciarte nostro lavoro non finira mai xke a resistito prima de gesu morire prima dil gallo cantare e prima della terra tremare noi cortigiane siamo seremo sempre le ultime da morire hahahahahahahaha

  8. rubiela gutierrez scrive:

    haaaaaaaaaaaaaaaa dimenticavo al comento da pagamento da bakeca che era gratuito scusate ma il litaliano sonno tutti cosi se vai a una fiera che diccono viene se paga pocco la consulenza e gratuita ,non ti preocupare e dopo da che in meno che ci pensi stai dando soldi di piu da quato pensavi.poi vai a una banca te dano le megliore oferta de mutuo ti fano la capoccia piena de idee che vanno bene per le tue tasche e dopo da un anno debbi pagare il dopio per tante de quelle cose neanche tu rende conto e non dire delle tazze che si pagano in italia sono le piu alte de tutto europa …..e seqondo voi!!!!!!!!!!quello cosa è non e sfrutamento al lavoratore,al ingenuo,ma no dovete solo essere delle galline a criticare le putane

  9. lulu scrive:

    concordo con rubiela, ognuno è libero di fare ciò che vuole, se vuole farsi pagare fa bene, perchè intanto tutti vanno a pagamento in un modo o nell altro. Con una prostituta o con una donna che prima di dargliela, si fa pagare cene, aperitivi e poi gliela da. A criticare sono solo le false moraliste e finte puritane.

  10. anna scrive:

    bakeka.o bakekaincontri e il piu maledeto sito del mondo.e talmente una rotura di palle.si no! ho provato a publicare un annuncio gratis e non sono pasati nemeno due giorni me l hano gia sospeso!perche te lo fano publicare soltanto si paghi………….sarebe un miracolo si qualkuno elimina la bakeka da lla mapa.il sito non funziona in modo coreto.quando credi che hai trovato una cosa giusta per te.in quell momento ti aqiapano.

  11. Luigi scrive:

    @anna ci sono anche altri sito dove si possono pubblicare annunci: —www.annuncipratici.it/
    per esempio. Ma anche li sono vietati gli annunici a luci rosse.

  12. ilario scrive:

    Ciao Anna, prova su —www.etera.it, li è veramente gratis!!

  13. Ilario scrive:

    Da ieri bakekaincontri.com, già proiezione della sezione incontri di bakeca.it, non è più visibile in quanto oscurata (nuovamente) per questo motivo, forse lo stesso il sito concorrente etera.it risulta essere sotto attacco informatico da diversi giorni come riportato in più riprese da diverse agenzie di stampa. Staremo impotenti ad osservare i prossimi sviluppi della “storia senza fine”.

  14. Annunci e altro scrive:

    Confermo che Bakekaincontri è stata inserita nella lista nera DNS degli ISP italiani, quindi praticamente l’80% dell’utenza non raggiunge il sito.
    Povera gente che ha pagato per poi magari nemmeno ricevere un servizio … mi spiace per loro più che per quei manigoldi sfruttatori.

  15. davide scrive:

    hanno già provveduto a spostare il dominio su bakekaincontri.net

  16. Galoppatoio scrive:

    Giustissimo chiudere siti come bakeka.it e bakekaincontri.net fanno soltanto sfruttamento della prostituzione ed è un reato grave. Fan soldi alle spalle delle ragazze facendosi pagare e se non paghi ti discriminano e ti cancellano(altro che gratis).Come mezzi pubblicitari son poca cosa. Passera’ ben poco tempo e chiuderanno anche bakekaincontri.net anche se han fatto la furbata del cambio dominio.

  17. alessandra scrive:

    io con bakeka non ho mai avuto problemi e non ho mai pagato un centesimo, a proposito di sfruttamento… e i quotidiani tipo giornale di vicenza che lasci giù 1000 euro al mese per l’ annuncio mascherato CERCO AMICI…quelli non sfruttano nessuno?

  18. marco scrive:

    ciao un buon sito c’e —ebakeca.com di annunci gratuiti a tutta Italia!!!

  19. Claudio scrive:

    Ma oggi 21 maggio non si vede piu’neanche http://www.bakecaincontri.info!…Sapete su che dominio e’stata ancora spostata?

  20. miki scrive:

    RUBIELA ti amooooooo!!!! hehehehe

  21. KELLY scrive:

    CIAO A TUTTI ,VORREI SOLO DIRE LA MIA ,TUTTI CI GUARDANO E PARLANO,ITALIA PAESE DI IPOCRITI,FANNO FINTA DI NIENTE ,CI GUARDANO TUTTI CI VANNO QUASI TUTTI ,NON VOGLIO ESSERE OFFENSIVA E UN PENSIERO::.GRAZIE

  22. Nanni scrive:

    lasciate eprdere bakeka, è pieno di eprsone che lo fanno per soldi. Meglio siti più piccoli ma con gente vera, tipo kincontri.com

  23. giuliano scrive:

    oscurare l’informazione e’ il piu’grande reato che si possa commettere ! sia essa a sfondo sessuale o politico !

  24. sergio scrive:

    con google nn si vede, ma se usate yahoo si vede benissimo nn è vero ke è stata oscurata, e poi , io ho sempre messo gli annunci gratis sono a pagamento se li vuoi in evidenza o promuovere, ciao a tutti

  25. Mercatino usato scrive:

    Un altro buon sito per annunci gratuiti è —www.mioannuncio.it/

  26. calimero scrive:

    ciao voglio dire la mia si in questo periodo tanto casino x quello chè prima a toccato marrazzo ora berlu….. tutti vanno è ci siamo stati dalle signore chè vendono il proprio corpo chè poi li chiamano hosstes accompagnatrici ecc ecc giusto chè ci siano nei siti pagine dove trovare certe cose un sito diventa sfruttatore xchè pubblica un annuncio è dai si certo sarebbe bello come in tanti paesi della comunità europea in cui apparteniamo chè la prostutuzione sia legalizzata vedi germania sex zone molto bello è le ragazze periodicamente controllate giusto quello chè vediamo nelle nostre strade italiane? in germania l annuncio costa 100euro mensile è trovi cell indirizzo foto ecc delle ragazze legalizzatela meglio x tutti

  27. BBakeca Milano scrive:

    Annunci gratuiti Milano. Trova gli annunci incontri a Milano su bakeca Milano per incontrare donne, uomini, trans e ragazze single.

  28. vitasolare scrive:

    speriamo lo facciano richiudere continuano a non farmi pubblicare niente e tutti gli account bloccati scrivendo che il mio annuncio non rispetta le regole mentre tutte le altre possono pubblicare annunci più voldari e offensivi continuare a discriminare!!!!! FATELI CHIUDERE ci sono altri siti molto più seri…………tipo siti di escort….dove prima di pubblicare controllano e si paga. Almeno non si rischia nulla!

Lascia un Commento